Corsa

Orchi, ma buoni … e bravi!

Nel mio peregrinare alla ricerca di compagnia per le uscite di corsa mi sono imbattuto, grazie ad una segnalazione di un corridore conosciuto da poco, in un gruppo di appassionati della corsa fuori dall’asfalto (trail running, per gli esperti) e non solo.

Il gruppo di trail runners ha un nome che incute forse timore, ma sicuramente rispetto: sono Gli Orchi Trailers.

Il bello è che i componenti di questo gruppo si dilettano anche in altre attività sportive che, guarda caso, rispecchiano tutti i miei interessi: bici, scialpinismo, escursioni con le ciaspole.

Dopo aver contattato telefonicamente il Presidente ho ricevuto via mail l’invito a partecipare ad una loro seduta di allenamento (grazie, Pino!) e, senza indugio, sono andato alla scoperta di questi “famigerati” Orchi.

Ho trovato un gruppo, piuttosto composito come età e come livello agonistico, che mi ha accolto come meglio non potevo sperare.

Ho partecipato al loro allenamento, senza riuscire a portarlo a termine (come invece hanno fatto tutti gli altri) ma con un grande senso di soddisfazione per aver trovato persone cordiali e disponibili, ma soprattutto con  i medesimi miei interessi.

Voglio quindi ringraziarli tutti e, dopo aver augurato loro ogni successo per le prossime competizioni che affronteranno, spero di riuscire ad essere presente con loro in altre occasioni, perché il trail running è bellissimo, ma fatto in compagnia lo è ancora di più.

Dai Bertassi al monte Ciabergia

Stamattina, nonostante il tempo incerto, sono andato a correre nelle vicinanze di casa.

Ho lasciato l’auto ai Bertassi, una frazione di Sant’Ambrogio di Torino (352 mt.) e sono salito sino in punta al monte Ciabergia (1.179 mt.).

Il percorso, coincidente per la maggior parte con il Sentiero dei Principi, è impegnativo sia nella prima parte sino a Mortera, che poi da lì sino al Colle della Croce Nera (cioè il parcheggio della Sacra di San Michele). A seguire, passando per l’agriturismo della Cascina dei Canonici, attraversando un fitto bosco, si giunge alla frazione Prese dei Rossi ed infine alla punta del monte Ciabergia.

I panorami, sia sulla Sacra, che sulle montagne e la pianura, valgono decisamente lo sforzo.